Il blog di Ignazio Golia Errante

  • Racconti di Errante

    Author Ignazio Golia Errante

    Qualcuno sfugge a Francesca?

    Nella tenerezza assoluta delle tue fantasie ho nuotato come nel ventre materno della natura. C'è un tipo di poesia che gli altri non possono avvertire. Troppo avvezzi al collare, scollati dall'evoluzione sensoriale, perdenti se stessi nell'immacolata concezione di un sé omologato. E tu mi chiedi "Perché far poesia quando puoi toccarmi?" In silenzio scopro come far parlare le mani, i sospiri, il riavvicinarsi e le fughe, le rughe incise dal tempo.

  • Special Guest

    Author Ignazio Golia Errante

    Allucinazione sadica

    di Luca Torzolini

    Creato da un nano, un nano capelli birra-cruda.

    Creato in venti minuti, il tempo di una cagata, di quelle con il giornale in mano.

    È questo che sono?! Pure il naso storto m’ha fatto! E non riesco neanche a muovermi, sarà per questo che ho freddo? Meglio così, il gelo mi dà un senso di sollievo: è come se il tempo si fermasse.

  • Porno Parodie

    Author Ignazio Golia Errante

    Cappuccetto, che bel cappuccetto…

     di Luca Torzolini

    Errava, nel bosco, uno strano odore di frittelle. Gongolava in esso quel mellifluo salmastro che pareva appartenere a carnali pulsioni represse. Forse Cappuccetto Rosso le aveva mangiate poggiandole sulle proprie gambe? In fondo, chissà quante cose non si sapranno mai sulle donne. L’acquolina iniziò a farsi strada dalle ghiandole salivari fino a grondare dalle feritoie strettissime dei denti aguzzi: al lupo venne fame.

  • Romanzi a puntate

    Author Ignazio Golia Errante

    Una diavola dal passato prima parte

    di Luca Di Berardino

    Il settimo bourbon scende come un rovo di rose nel gozzo. Né acqua né sigarette riescono a smorzare l'alcol. Inutili vizi umani che cercano di riempire meri spazi nel tempo e nell'anima dei deboli.

  • Racconti delle lettrici

    Author Ignazio Golia Errante

    Niente di meglio di una Winston Blu

    di D.S.

    Il suo sguardo si fece basso e un po’ triste. Dal basso del mio amore, con uno sguardo ampio, che sembrava un abbraccio consolatore, una coppa che si sarebbe riempita della sua colpa, gli alzai con due dita, il pollice e l’indice chiusi a mo di scrittura, il mento. Lo guardai, no non era né preoccupazione né compassione quella che avevo negli occhi, era pena, ma ancora nemmeno lo sapevo.

  • Letteratura

    Author Ignazio Golia Errante

    Estratto di "Lolita" (1955) di Vladimir Nabokov

    Lolita, luce della mia vita, fuoco dei miei lombi. Mio peccato, anima mia. Lo-li-ta: la punta della lingua compie un percorso di tre passi sul palato per battere, al terzo, contro i denti. Lo. Li. Ta.
    Era Lo, semplicemente Lo al mattino, ritta nel suo metro e quarantasette con un calzino solo. Era Lola in pantaloni. Era Dolly a scuola. Era Dolores sulla linea tratteggiata dei documenti. Ma tra le mie braccia era sempre Lolita [...]

     

     

     

  • Saggistica

    Author Ignazio Golia Errante

    L’anima della masturbazione 

    di Chiara Macrone

    “Nomina sunt consequentia rerum”, ebbene: il termine “masturbazione” deriva dal latino, frutto dell'unione di “manu” (ablativo di “manus”) con il verbo “stuprare”. Da qui l'accezione negativa del gesto in sé: equivarrebbe a dire disordinare, violare, sporcare se stessi con le proprie mani.

    Allora chiedo a voi, lettori che vi masturbate: dov'è il male in tutto questo? Forse nell’egoismo intrinseco della masturbazione?